Il massaggio del bambino

Il massaggio dei neonati è un’arte antica e profonda. Semplice ma difficile, difficile perché semplice, come tutto ciò che è profondo.

Frédéric Leboyer

Perché massaggiare il bambino?

Ogni mamma in attesa porta dentro di sé tante domande: “Come sarà il mio bambino?”, “Sarà tranquillo o agitato?”, “Piangerà spesso?”, “Dormirà molto o poco?”, e soprattutto “Saprò prendermi cura di lui?”, “Saprò capire i suoi bisogni?”, insomma “Sarò una buona madre?”

Poi arriva il grande giorno e il bambino immaginato e sognato diventa reale; improvvisamente la mamma scopre dentro di sé risorse ed energie che non immaginava di avere, e soprattutto un amore infinito. Nulla meglio delle mani può trasmettere questo meraviglioso sentimento: il tatto e l’udito sono i sensi più sviluppati nelle prime settimane di vita e il neonato trae un nutrimento prezioso dal contatto coi genitori, dal suono delle loro voci, dallo scambio di sguardi e sorrisi.

Il massaggio del bambino diventa così un momento speciale e coinvolgente, un’occasione di comunicazione profonda: attraverso il contatto impariamo ad ascoltare e comprendere i bisogni del neonato, stabilendo un contatto affettivo unico e profondo.

 

Cos’è il massaggio?

Il massaggio infantile non è una tecnica. E’ un modo di stare con il proprio bambino.

Il massaggio del bambino è un’antica tradizione presente nella cultura di molti paesi. Recentemente è stata riscoperta e si sta diffondendo anche nel mondo occidentale, grazie all’International Association of Infant Massage, che lo promuove in tutto il mondo.

I benefici del massaggio sulla crescita e lo sviluppo psico-fisico del bambino sono stati dimostrati da numerosi studi e ricerche, che ne hanno confermato l’efficacia anche sui bambini prematuri, su quelli con bisogni speciali, su quelli adottivi.

Gli effetti positivi del massaggio non riguardano solo il bambino, ma coinvolgono tutta la famiglia, perché attraverso il contatto si rafforzano i legami tra genitori e figli, che sono capaci di costruire insieme relazioni serene e rispettose.

Il massaggio del bambino è semplice, ogni genitore può apprenderlo facilmente, inoltre è flessibile e si può adattare alle esigenze del bambino, fin dai primi giorni di vita e durante le diverse fasi della sua crescita.

Con il massaggio possiamo accompagnare, proteggere e stimolare la crescita e la salute del nostro bambino.

I benefici del massaggio

Il massaggio del bambino

  • è un mezzo privilegiato per comunicare ed essere in contatto con il proprio bambino;
  • favorisce il legame di attaccamento e rafforza la relazione genitore-bambino;
  • favorisce uno stato di benessere nel bambino;
  • facilita la conoscenza delle varie parti del corpo, promuovendo lo sviluppo dell’immagine di sé, così da far sentire il bambino aperto, sostenuto ed amato;
  • aiuta il bambino a scaricare e dare sollievo alle tensioni provocate da situazioni nuove, stress o piccoli malesseri;
  • stimola, fortifica e regolarizza il sistema circolatorio, respiratorio, muscolare, immunitario e gastro-intestinale, così previene e dà sollievo al disagio delle coliche gassose;
  • può rivelarsi un buon sostegno nei disturbi del ritmo sonno-veglia;
  • è un’esperienza di profondo contatto affettivo tra genitori e bambino, che favorisce il rilassamento di entrambi;
  • nutre e sostiene nell’arte di essere genitori.

Per approfondire questo argomento, visita la pagina dedicata ai benefici del massaggio infantile.

.

Argomenti

ElencoBlog

Il massaggio è un’arte antica che vi lega in modo profondo a quella persona che è il vostro bambino, e vi aiuta a capire il particolare linguaggio del vostro piccolo portandovi a reagire con amore e ad ascoltarlo con rispetto. Un bimbo la cui voce viene ascoltata, il cui cuore è ricco, un bimbo che viene cresciuto nell’amore, traboccherà di tutto quell’amore e potrà darne agli altri in modo naturale e altruista.

Vimala Mc Clure

I benefici del massaggio infantile

sono tanti, sia per il bambino, che impara a conoscere il proprio corpo e trova sollievo a piccole tensioni e malesseri, sia per i genitori, che scoprono ogni volta qualcosa di nuovo sul loro bambino, attraverso il contatto e l’ascolto. Per approfondire i benefici del massaggio infantile, vai alla pagina dedicata. 

L'A.I.M.I.

è l’Associazione Italiana Massaggio Infantile, che ha il compito di formare, preparare e aggiornare gli insegnanti di massaggio infantile, oltre che di promuovere il contatto e la comunicazione all’interno delle famiglie. Per saperne di più, vai alla pagina dedicata all’AIMI.

Come posso imparare a massaggiare il mio bambino?

Imparare il massaggio del bambino è semplice. Puoi  scegliere un corso di gruppo o individuale con un’insegnante AIMI. Sarà un’esperienza piacevole, che ti darà l’opportunità di conoscere più a fondo il tuo bambino. Per sapere tutto sui corsi di massaggio infantile, vai alla pagina dedicata.

Blog

Gli ultimi articoli sul massaggio del bambino e sull’importanza del contatto tra genitori e figli.

7 giugno Giornata internazionale del Massaggio Infantile

Non riesco a dare dei limiti alle poppate del mio bambino di 15 mesi. Quali consigli potete darmi?

Perché continuare ad allattare il mio bambino che ha più di un anno?

ilPrimoSenso compie due anni!

A febbraio 2016 ilPrimoSenso compie due anni! Il nostro progetto cammina ormai con le sue gambe e ci fa venire la voglia di andare sempre più lontano.

Il Primo Senso è nato come un luogo di riflessione e confronto sul contatto tra bambini e genitori, attraverso il massaggio infantile, le coccole, i legami affettivi che si creano non solo attraverso la pelle ma anche attraverso la lettura, il raccontare storie, la condivisione di momenti emotivamente ricchi e significativi.

È normale che il mio bambino voglia essere allattato spesso e preso in braccio?

Il cambiamento inizia da te

Ogni volta che pretendiamo che gli altri siano come vorremmo noi, ci allontaniamo dall’empatia. Quando ci immobilizziamo su come lui o lei dovrebbero essere, quando desideriamo dare soluzioni semplici e rapide, ci stiamo allontanando dall’altro e dai suoi bisogni, ma siamo sempre focalizzati su noi stessi. Se per un momento potessimo entrare nelle “scarpe” dell’altro forse scopriremmo che i suoi bisogni non sono molto distanti dai nostri. Forse ogni papà ed ogni mamma sta facendo del suo meglio per contribuire alla propria famiglia. Quando cambiamo il nostro modo di vedere le cose, le cose che vediamo cambiano.

Foto di Adrian Dressler su Flickr.