Blog Genitori ad alto contatto

Essere genitori ‘ad alto contatto’

significa prendersi cura dei nostri bambini con amore, attenzione, rispetto. Saper accogliere i loro bisogni profondi fin dai primi giorni, anche senza l’aiuto delle parole. Non solo massaggio e coccole, ma anche canzoni e filastrocche, esperienze sonore e musicali, condivisione della lettura, giochi di movimento e giochi silenziosi… ci interessano tutti i modi per vivere momenti speciali e scoprire insieme ai nostri figli la meraviglia di essere bambini. Ma vogliamo anche riflettere sul significato dell’infanzia, per imparare a mettere in discussione il nostro modo di essere genitori ed educatori: affrontare le piccole difficoltà di ogni giorno, le insicurezze e le paure, nostre e dei bambini di cui ci prendiamo cura, anche questo fa parte del cammino che percorriamo con loro, mano nella mano.

Il bambino non si sbaglia… Va fino in fondo ai cuori. Conosce il colore dei vostri pensieri.

Frédérick Leboyer

Blog Genitori ad alto contatto

Gli ultimi articoli pubblicati.

Non mi sento una brava mamma

Negli incontri sull’educazione empatica che svolgo a Milano, mi capita di ascoltare le mamme dire: “Non mi sento una brava mamma”, “Ho paura di fare qualcosa di sbagliato nell’educazione di mio figlio”. Ma se impariamo a non giudicare e non giudicarci ci apriamo alla comunicazione con l’altro e scopriamo che siamo dalla stessa parte di nostro figlio a risolvere un problema comune e a trovare una soluzione insieme

Non riesco a dare dei limiti alle poppate del mio bambino di 15 mesi. Quali consigli potete darmi?

Comunicare con empatia: per migliorare le tue relazioni in famiglia e non solo

Se vuoi aprirti ad un’esperienza che arricchirà te, la tua famiglia e le tue relazioni, partecipa al percorso “Comunicare con empatia” condotto dalla pedagogista Giuditta Mastrototaro a Milano.

Il cambiamento inizia da te

Ogni volta che pretendiamo che gli altri siano come vorremmo noi, ci allontaniamo dall’empatia. Quando ci immobilizziamo su come lui o lei dovrebbero essere, quando desideriamo dare soluzioni semplici e rapide, ci stiamo allontanando dall’altro e dai suoi bisogni, ma siamo sempre focalizzati su noi stessi. Se per un momento potessimo entrare nelle “scarpe” dell’altro forse scopriremmo che i suoi bisogni non sono molto distanti dai nostri. Forse ogni papà ed ogni mamma sta facendo del suo meglio per contribuire alla propria famiglia. Quando cambiamo il nostro modo di vedere le cose, le cose che vediamo cambiano.

Urlare ai bambini – Giuditta Mastrototaro risponde ai genitori

Le relazioni affettive sono il fondamento della nostra vita

Comunicare con i figli: empatia e ascolto attivo

Comunicare con i figli in modo efficace significa prima di tutto considerarli persone competenti e capaci, fin da piccoli, di stare nella relazione: solo questo consentirà di costruire una relazione di fiducia, salda e duratura, che porti con sé i valori dell’ascolto, del rispetto e dell’empatia, che il bambino farà suoi anche nella vita futura.

Massaggio infantile per i papà

Il papà può massaggiare il neonato e il bambino più grande? Certamente sì! E allora perché molti padri si sentono in difficoltà a stabilire un contatto pelle a pelle con i figli, hanno paura di fare male al neonato, si considerano impacciati e incapaci di prendersi cura del piccolo, soprattutto nelle prime settimane? Il massaggio infantile è una delle opportunità per i padri per sentirsi più vicini al neonato, più capaci di entrare in relazione con lui, più sicuri del proprio ruolo di genitori.

L’importanza del contatto: la testimonianza di Vimala McClure

Una testimonianza di Vimala McClure, fondatrice dell’International Association of Infant Massage, che ha dedicato la sua vita a diffondere la cultura del contatto e la pratica del massaggio infantile nei paesi occidentali.

Raccontare fiabe per insegnare ai bambini ad affrontare la vita

Attraverso una storia, una fiaba, un libro illustrato per bambini che si apre a diverse interpretazioni, filtrate dall’esperienza personale dell’adulto e del bambino, il genitore può riuscire più facilmente a comunicare al proprio figlio qualcosa di complesso e difficilmente affrontabile, così come il bambino può riuscire a confidare all’adulto qualcosa che, magari, non riesce ad ammettere né agli altri né a se stesso.

Nel blog di Vimala McClure puoi trovare tanti articoli sull’importanza del contatto nella relazione tra genitori e figli (in inglese).

Foto di photosavvy su Flickr.

Seguici anche su

ElencoBlog

Vuoi ricevere gli aggiornamenti del blog Genitori ad alto contatto?

Corsi massaggio infantile Bologna, Casalecchio, Sasso Marconi, Crespellano, Bazzano. Corsi massaggio bambino Bologna, Casalecchio, Sasso Marconi, Crespellano, Bazzano. Corsi massaggio neonato Bologna, Casalecchio, Sasso Marconi, Crespellano, Bazzano.

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai ogni due settimane tutti i nuovi articoli pubblicati sul blog Genitori ad alto contatto, oltre alle date dei prossimi incontri per genitori ed educatori, i nostri consigli di lettura e tante altre notizie utili, senza spam e senza pubblicità. Promesso!

Iscriviti ora!